Mamma che blog! Autunno 2017

Come sapete sabato 18 novembre ho partecipato all’edizione autunnale del Mamma che blog tenutosi a Milano.

Per me era la prima volta e devo dire che sono rimasta entusiasta di quest’esperienza.

Innanzitutto voglio precisare, per chi non lo sapesse, che la partecipazione all’evento è totalmente gratuita.

L’evento è stato organizzato magistralmente da Fattore Mamma, con un intrattenimento impeccabile per i più piccini e un programma ricchissimo di interventi tutti molto interessanti per noi mamme!

Ecco il programma completo della giornata:mcb

 Io ho scelto di partecipare la mattina all’incontro con Julia Elle e al pomeriggio con Luca La Mesa.

Molte di voi mi hanno chiesto di raccontarvi di cosa si è parlato e di svelarvi i segreti che ho carpito da questa preziosa giornata di formazione. Ovviamente ho dovuto scegliere 2 incontri tra quelli proposti e trattandosi di 2 conferenze da 2 ore ciascuna potete facilmente comprendere quanto sia difficile riportare tutto quello di cui ci hanno parlato; potrei scrivere pagine e pagine e comunque non trasmettere appieno il messaggio che ci è stato trasferito.

Ho deciso così di riportarvi la mia top 10, ovvero le 10 cose (consigli, informazioni, ..) che ho trovato più interessanti.

Alcune potranno sembrarvi banali ma proprio per questo a volte non ci facciamo caso.

  1. Autenticità

Siate voi stesse. Fate ciò che vi piace e che vi viene bene. Non copiate qualcun altro perché ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra, soprattutto se si tratta di una brutta copia. Non cantate se siete stonate come campane, non fate le food blogger se bruciate anche i 4 salti in padella.

Definite la vostra identità e perseguitela. Rimanete fedeli a voi stesse!

  1. Ad ogni social il suo contenuto

Facebook e Instagram sono social diversi e come tali bisogna coltivarli. Ciò che funziona su Fb non funziona su Ig.

Facebook predilige l’immediatezza, contenuti che attirano l’attenzione, sono utili, fanno ridere, commuovono. Su Facebook c’è la possibilità di condividere i contenuti. Provate a pensare: condividerei un mio post?

Su Instagram funziona il bello. Quindi curate le vostre foto, cercate di creare un’uniformità che dia identità al vostro profilo e lo renda riconoscibile. Curate il testo che mettete sotto le foto, perché è fondamentale corredare la foto giusta con le parole giuste.

Aggiunta personale: non copiate l’ennesima citazione già vista e rivista ma scrivete qualcosa di vostro! (autenticità come dicevamo al punto 1)

  1. Ad ogni social il suo pubblico

Social diversi hanno un pubblico diverso l’uno dall’altro.

Controllate le insights e guardate a che pubblico state parlando. Calibrate di conseguenza la tipologia di contenuti, gli argomenti e anche il registro linguistico (non dite “bella zio” agli over 40). Gli utenti di Fb hanno un’età media più alta degli utenti di Ig. Snapchat è utilizzato principalmente da ragazzini. Considerate il vostro pubblico anche quando decidete di promuovere un post, impostandolo sulla corretta fascia d’età e genere (es. Donne 25-40).

  1. Qualità

Con l’avvento dei social ognuno può creare facilmente dei contenuti.

Come ci spiegava Luca La Mesa per il 2020 produrremo talmente tanti contenuti che non sarà umanamente possibile leggerli tutti! E’ chiaro quindi che per emergere in questo mare bisogna puntare sulla qualità.

Less is more!

Non costringetevi a pubblicare post ogni giorno, 3 volte al giorno, se questo vuol dire banalità e scarsa qualità.

Quello che scrivete o pubblicate siete voi! Abbiatene cura.

  1. Facebook e Instagram: stesso papà ma…

Fb e Ig sono entrambi figli di Mark Zuckerberg ma… ogni social vuole tenersi i propri utenti, quindi i post che propongono link su siti esterni vengono penalizzati dall’algoritmo di Fb.

Se avete più di un social parlatene ai vostri seguaci in modo da spostare l’utenza da uno all’altro. Ad esempio nelle Ig Stories potete dire “Sulla mia pagina fb potete trovare il video…” e viceversa, ma evitate i link soprattutto verso altre piattaforme come Youtube (tra Mark e Youtube non scorre buon sangue!).

  1. Stickers, filtri, geolocalizzazione

Stiamo parlando soprattutto di Instagram ovviamente.

Instagram vi segnala le Novità! nelle Stories. Ebbene, quando vengono aggiunte nuove funzionalità, stickers e filtri, USATELI!

Provateli, cliccateci sopra e probabilmente scoprirete che cambiano (segretuccio!). Questo è quello che vuole il caro Mark (Zuckerberg), quindi via libera a cagnolini, koala, arcobaleni ecc.!

Utilizzare la geolocalizzazione può farvi entrare nelle Stories della vostra città ed aumentare il numero dei followers!

Stesso discorso vale per gli hashtag, in particolare se partecipate ad un evento.

  1. Promozioni, inserzioni e pubblicità

Sia per Julia Elle che per Luca La Mesa la pubblicità è più efficace su Ig che su Fb.

Ecco alcuni accorgimenti per far sì che la vostra inserzione funzioni:

  • Controllate le Insights! (già detto al p.to 3) e calibrate  di conseguenza l’inserzione perché raggiunga in vostro pubblico: definite il sesso, la fascia d’età, gli orari.
  • Non programmate inserzioni in giorni in cui il web sarà già particolarmente saturo di contenuti, ad esempio il giorno di Natale o durante il Black Friday.
  • Un’inserzione non può colmare la scarsa qualità  di un contenuto! Promuovete contenuti di qualità, anche vecchi, che avevate già condiviso e che avevano avuto successo.
  1. #adv

Non smarkettate!!!

Ovvero…

Non fatevi tentare dalle richieste di collaborazione che ricevete. Selezionate con cura le collaborazioni e pubblicizzate solo prodotti in cui credete veramente.

Se promuovete qualsiasi cosa vi venga proposto o un prodotto di cui non siete convinti SI VEDE! Meglio rifiutare una collaborazione, guadagnerete in credibilità e sul lungo termine avrete un ritorno positivo (magari anche economico!).

  1. Persone, non followers

Ricordatevi che chi vi segue sono persone e non numeri!

Se qualcuno dedica un minuto del proprio tempo per commentare una vostra foto o scrivervi in Direct rispondetegli!

Non cancellate i commenti, anche quelli negativi; piuttosto confrontatevi con questa persona privatamente per capire la sua critica da dove nasce, oppure passate oltre.

     10. Il consiglio più prezioso

L’ultimo consiglio viene direttamente da me ed è…

non mancate al prossimo Mamma che blog!

La prossima edizione si terrà in primavera; seguite Fattore Mamma su Fb e Ig per rimanere aggiornate.

Alla prossima! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...