Il sesto senso delle mamme

Mi sto riprendendo ora da una settimana di malattia iniziata con un mal di gola che avevo sottovalutato e che mi ha invece messo k.o. come non ricordavo da tempo!

Ebbene, volevo raccontarvi un episodio successo la seconda notte in cui stavo male.

Ero nel letto, rannicchiata in posizione fetale, in preda ai brividi della febbre e a dolori in tutto il corpo, ma non riuscivo a trovare la forza di alzarmi per prendere il termometro e una tachipirina. Sarò stata così un’oretta, immobile a pensare “Adesso mi alzo”; intorno il silenzio, mio marito dormiva e non volevo svegliarlo e le bambine anche, per fortuna.

Alle tante mi faccio coraggio e mi alzo; vado in bagno, vado in cucina, prendo tachipirina e termometro e prima di tornare in camera mia decido di passare a controllare le bambine. Faccio  piano piano, entro di soppiatto e le vedo che dormono nei loro lettini, serene, il loro respiro è leggerissimo, come di chi dorme un sonno profondo.

Torno quindi in camera mia, mi infilo tremante sotto le coperte e comincio a provarmi la febbre, già sapendo quale sarebbe stato il verdetto. Passa un minuto e sento dei passi in corridoio, passi che conosco molto bene.

Mi metto seduta e dico “Bianca, che succede?” e lei mi risponde “Mi gocciola il naso mamma”. Nel frattempo si avvicina al letto. Non faccio in tempo ad allungarle un fazzoletto e mi rendo conto che non le gocciola il nasino, ma le sta scendendo il sangue!

Faccio un balzo in piedi (con energie recuperate chissà dove…), riesco solo a dire “Amore sangue” al che anche mio marito balza in piedi e la portiamo subito in bagno. Niente di tragico, in pochi minuti il sangue smette di scendere, però aspettiamo un po’ per essere sicuri e poi decidiamo di tenerla nel letto con noi.

La mia febbre ormai è 39 e oltre, ma poco importa, prendo la tachipirina e mi metto lì accanto a lei.

Nel buio ho pensato molto a quella coincidenza; mi sono alzata giusto 2 minuti prima che le scendesse il sangue dal naso, sono andata in camera sua, l’ho guardata e dormiva tranquilla eppure di lì a pochissimo si sarebbe svegliata anche lei…

E’ davvero una coincidenza? Oppure a volte il nostro sesto senso ci porta a fare delle cose proprio in un determinato momento, senza che noi ne capiamo realmente il motivo?

uguay
“Il caso non esiste” come direbbe il saggio Uguay 😉

Molte volte mi è capitato, quando Bianca era solo neonata, che si svegliasse pochi attimi dopo che mi ero svegliata io, ma soprattutto quando si allatta, si sa che il rapporto tra mamma e neonato è simbiotico.

Io trovo che in generale ci sia qualcosa di magico nel rapporto tra la mamma e i propri bambini, un sesto senso che la guida anche quando lei pensa di non sapere cosa fare o di stare sbagliando e che dovremmo seguirla più spesso questa sensazione…

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...